A Monte San Giusto, in piazza Mazzini, c’è una piccola boutique. Quest’anno in occasione dei dieci anni di attività la titolare decide di regalare a se stessa ma soprattutto alle sue clienti un negozio tutto nuovo. Nell’agosto 2017 sono iniziate le prime valutazioni. Quale aspetto conferire al nuovo locale? Sicuramente i materiali e le finiture avrebbero dovuto trasmettere carattere,familiarità per i clienti e soprattutto confort lavorativo.

Una semplice modifica della planimetria è servita a ruotare l’orientamento del locale. Un nuovo elemento di arredo realizzato su misura ha permesso alla vetrina di conquistare la terza dimensione e diventare fulcro dinamico tra interno ed esterno. Entrando nel locale si accede ad una prima stanza dedicata ai capi appesi. Il mobile vetrina con la sua appenderia completa la composizione di questo primo ambiente e gli specchi sul lato opposto ne amplificano le dimensioni. La cassa è nascosta ed il bancone è lontano. In questo ambito i capi, posizionati con cura su tre diversi livelli percettivi, si possono valutare in tutta libertà. Il bancone in tono con il pavimento si presenta solo nel secondo ambiente di fronte al reparto maglieria il quale anticipa l’accesso all’area camerini.Seguendo la boiserie effetto “betulla” si fiancheggia una morbida tenda in filati naturali che funge da filtro tra le sale prova e un grande specchio. Qui in uno spazio confortevole, lontano da occhi indiscreti, si ha la possibilità di valutare le taglie egli abbinamenti prima dell’acquisto. I materiali della ristrutturazione sono stati valutati tenendo conto di dover realizzare un intervento con budget è tempi definiti. L’arredo su misura e le boiserie sono stati prodotti in legno nobilitato effetto betulla e laminato grigio. Il pavimento ed il bancone sono stati ricoperti artigianalmente con prodotti resina/cemento a finitura poliuretanica opaca. L’insegna all’ingresso, lo scaffale con motivo ad esagoni e le appenderie sono in ferro saldato, molato e verniciato a polvere. Gli specchi sono realizzati con supporto in vetro 6mm e legno nobilitato per evitare deformazioni dell’immagine riflessa.
Dopo le necessarie modifiche interne, prodotte in cartongesso, il locale è stato completamente ritinteggiato con tinte all’acqua dalla qualità materica e le travi principali sono state rasate con apposito rasante cementizio a grana spessa. A seguito di un calcolo illuminotecnico realizzato su modelli tridimensionali è stata valutata la migliore temperatura colore è la tipologia dei corpi illuminanti da utilizzare facendo particolare attenzione all’indice di rispondenza cromatica (oltre 90). In questo modo si può avere la certezza che i capi e gli ambienti vengano illuminati senza aberrazione cromatica. È proprio il caso di dire che da oggi i colori delle collezioni French-co sono sotto una nuov aluce.

Lascia un commento

Scroll Up